L'alpinista estrema Evelyne Binsack: «Nelle spedizioni di solito non è possibile praticare il distanziamento sociale»

Evelyne Binsack


CoronaNotizie di viaggio

Fonte: TCS MyMed


Evelyne Binsack è una guida alpina qualificata, pilota di elicotteri, alpinista estrema, autrice di bestseller e avventuriera per passione. Nel 2001, Binsack è stata la prima donna svizzera a scalare l'Everest, ha risalito la parete nord dell'Eiger per tre volte da sola e ha scalato le vette più alte dell'Himalaya e delle Ande. Dal 2006 al 2008 la sua sfida più grande è stata l'avventura estrema di percorrere 25'000 chilometri in 484 giorni, attraversando 16 Paesi dalla Svizzera al Polo Sud e utilizzando solo la propria forza muscolare in bicicletta, a piedi, con gli sci e le slitte. Una chiacchierata con TCS MyMed.

Sul Monte Everest, a 8850 metri, l'aria è rarefatta, quindi lei sa bene cosa significa la dispnea. Ha paura del coronavirus?
L'aria sul Monte Everest è molto rarefatta e dare prova di sé a questa altitudine è estremamente faticoso. No, non ho paura del coronavirus.

Da alpinista, lei è anche una persona che valica le frontiere.  Sempre alla ricerca della situazione eccezionale, percorrendo la sottile linea che separa la vita dalla morte. Perché ha volontariamente messo in pericolo la sua vita così spesso?
Non metto volontariamente in pericolo la mia vita. Nelle mie spedizioni so molto bene quello che faccio perché lavoro sodo prima per acquisire tutte le competenze necessarie. Certo, c'è un rischio residuo. Ma conosco anche il rischio residuo e so come posso prevenirlo al meglio.

Per sopravvivere su una parete scoscesa è essenziale rispettare le leggi della natura e allenare instancabilmente le capacità fisiche e mentali. Queste competenze la stanno aiutando ad affrontare l’emergenza da coronavirs?
Sono una guida alpina professionista e per me è fondamentale dare sicurezza ai miei clienti: come mental coach faccio appello alle risorse mentali del mio cliente affinché possa vedere gli ostacoli che lo spaventano da una prospettiva diversa e affrontarli in modo diverso. In situazioni di emergenza, di solito raggiungo il massimo della forma. Per molti imprenditori, il lockdown significa una minaccia esistenziale che non sono stati loro a causare. L'impotenza tra queste persone è estrema quando la morte esistenziale si avvicina.

Come alpinista ha acquisito molta esperienza in spazi ristretti e in situazioni estreme. Quali consigli dà alle persone che si trovano a casa in quarantena a causa dell’emergenza da coronavirus?
Mi dispiace molto per le persone che devono sopportare il divieto di uscire di casa o la quarantena. Si tratta tuttavia di situazioni temporanee. Concentrarsi sempre e solo sul giorno dopo può aiutare. Pianificare ciò che si vuole fare, come creare il proprio mondo in uno spazio ristretto, soprattutto mentalmente. Quando più persone devono andare d'accordo in uno spazio ristretto, è utile comunicare solo le cose più importanti e fare in modo che il tono sia cordiale e che i problemi siano affrontati in modo affabile. Inoltre, raccomando vivamente di far esercizi di rafforzamento, come faccio nella mia piccola tenda di tre metri quadrati fino a che i muscoli mi fanno male, quando devo sopportare tempeste di neve lunghe giornate intere o settimane di maltempo. Si può fare benissimo un'ora di allenamento su una superficie di tre metri quadrati. L'esercizio fisico stimola gli ormoni della felicità, rilassa la mente, aumenta la felicità.

Quali precauzioni prende prima e durante una spedizione per evitare di contrarre una malattia infettiva e quindi poter sfruttare al massimo la sua capacità polmonare?
Nelle spedizioni di solito non è possibile praticare il distanziamento sociale perché nei campi ad alta quota spesso si deve condividere la tenda in due. Il disinfettante per le mani fa parte dell'equipaggiamento di base e di solito si ha un passamontagna davanti alla bocca per via del freddo.

Come ha affrontato in passato le emergenze mediche all'estero e secondo lei qual è la posizione della Svizzera nel panorama internazionale?
L'amara verità è che quando si è disposti a spendere tanti soldi per la propria salute, ogni Paese offre ospedali molto ben attrezzati e medici altamente qualificati. Il sistema sanitario svizzero è comunque uno dei più solidi al mondo.

Quali sono le aree che sta esplorando attualmente, dato che non le è permesso viaggiare all’estero? 
Non sono mai stata così tanto a casa in vita mia. Studio molto, lavoro da autodidatta su argomenti che mi interessano e che nutrono la mia mente. Posso anche allenarmi a casa su nove metri quadrati e quando il tempo è bello, come adesso, vado nel bosco.

Cosa le manca di più in questo periodo?
Come nelle mie spedizioni, non mi preoccupo tanto di ciò che mi manca, ma di ciò che ho. Però, non vedo l'ora che arrivi il momento in cui potrò tenere di nuovo le mie conferenze, previste tra febbraio e ottobre e annullate in blocco. Nemmeno io vivo solo di aria e pensieri positivi.

Questo sito web utilizza i cookie - per ulteriori informazioni sui cookie e sui diritti degli utenti, si prega di consultare le nostre politiche in materia di privacy in fondo alla pagina. Fare clic su "Accetto" per accettare i cookie e accedere direttamente al nostro sito web.